I segreti di una moglie perfetta Il thriller di Fiona Barton è una discesa nell'abisso interiore di una donna, rimasta accanto al marito accusato della scomparsa di una bimba. Una storia a più voci che avvince e inquieta.

La verità è un’entità molto scivolosa. Parola di Fiona Barton, giornalista in pensione di Telegraph e Daily Mail che, con il thriller “La vedova” (edito in Italia da Einaudi), si è ritrovata bestsellerista a 59 anni. Un successo meritato, dal momento che la sua storia ricostruisce la verità su un fatto terribile come la scomparsa di una bambina con una riuscita polifonia di voci e punti di vista che avvince e inquieta. Read more

Nulla è come sembra, soprattutto nelle famiglie perfette! Il thriller di Jane Shemilt è una dura presa di coscienza delle dinamiche moglie-marito-figli. Per giungere alla verità sulla scomparsa di Naomi, sua madre dovrà analizzare con spietatezza se stessa e i propri cari.

“E’ più facile di quanto si pensi perdere di vista ciò che conta”. La chiave di lettura di “Una famiglia quasi perfetta” di Jane Shemilt (edito da Newton Compton) è in quest’amara riflessione di Jenny, voce narrante di una storia familiare in cui, com’è facile intuire, nulla è come sembra.

Fin dalle prime pagine è echeggiato nella mia mente il celebre incipit di Anna Karenina: “Tutte le famiglie felici sono simili le une alle altre; ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”. Il fatto è che Jenny non è consapevole dell’infelicità e delle menzogne che hanno minato irrimediabilmente la serenità e l’unione della sua famiglia, fintanto che sua figlia 15enne Naomi non fa ritorno a casa, dopo una serata con gli amici del teatro, e scompare nel nulla. Read more

La gemella silenziosa, pathos e mistero sull’isola di Skye Avvince e inquieta la storia di Tremayne, che scandaglia i segreti di una famiglia colpita da un lutto terribile.

E’ letteralmente un libro da brividi “La gemella silenziosa” di S.K. Tremayne (edito da Garzanti). Non perché sia un horror – piuttosto un thriller psicologico – ma perché è una storia che fa vibrare abilmente le corde delle emozioni più intime suscitando, di volta in volta, sentimenti di dolore, inquietudine, dubbio e finanche paura. Read more

Cormoran Strike, c’è magia nel giallo di J.K. Rowling E' davvero intrigante il detective protagonista dei libri pubblicati con lo pseudonimo di Robert Galbraith

Se non l’avete già fatto, dovete assolutamente fare la conoscenza di Cormoran Strike. 

La storia della letteratura abbonda di commissari e ispettori memorabili, anche quella italiana annovera grandi personaggi cult, ma c’è più di una ragione per cui l’investigatore privato londinese riesce nell’impresa di guadagnarsi la simpatia degli amanti del genere, e non solo.

Si potrebbe pensare che la prima ragione è la sua autrice. Dietro lo pseudonimo di Robert Galbraith si cela infatti niente meno che J.K. Rowling. Ma questo in realtà, almeno per me, è stato un deterrente. Ero scettica, insomma, che l’acclamata mamma del maghetto più famoso della storia potesse passare con disinvoltura dal fantasy al giallo. Read more

Estate bollente? Freschezza assicurata con Alice Allevi! Cold case e hot love sono gli ingredienti del successo dell'ultimo romanzo di Alessia Gazzola

Quella in foto non è la descrizione di una giornata qualsiasi della torrida estate che stiamo vivendo (o che ci sta ammazzando, è il caso di dire) bensì della “lunga estate crudele” in cui la scrittrice siciliana Alessia Gazzola ambienta il suo ultimo romanzo, edito sempre da Longanesi, che vede protagonista l’irresistibile Alice Allevi.

Confesso che mi dà molto refrigerio, almeno allo spirito, leggere le divertenti avventure della nostra Bridget Jones della Medicina legale, alle prese con un nuovo delitto da risolvere insieme al simpatico ispettore Calligaris, che apprezza sempre più il suo fiuto. Stavolta è un vero e proprio cold case, giusto per fare da contrappunto al clima hot della storia, in senso meteorologico, ma soprattutto in senso amoroso. Read more

Le piene di grazia, storia d’amore e vendetta Il legame indissolubile tra due sorelle al centro del potente romanzo di Carmen Totaro

Storia dura, scrittura potente, anime femminili messe a nudo nella loro fragilità e nella loro forza: si fa leggere tutto d’un fiato “Le piene di grazia”, romanzo d’esordio della 41enne pugliese Carmen Totaro, edito da Rizzoli.

Amore, dolore, vendetta per colpe non pagate: sono sentimenti potenti, quasi implacabili, quelli che animano la storia che ruota attorno al legame indissolubile tra due sorelle, Maria Rosaria e Palma. Così vicine e unite, eppure così diverse. Read more

Questo slideshow richiede JavaScript.

Secondo Maurizio de Giovanni è quasi impossibile non essere scrittori a Napoli, «città che amplifica ogni cosa, priva com’è di silenzi e di distanze».

Di belle storie Napoli gliene racconta ogni giorno e lo scrittore che, terenzianamente – ossia ispirandosi al Terenzio dell’homo sum, si badi bene, qui il premier non c’entra 🙂 – ritiene che nulla di umano possa essergli estraneo, attinge a piene mani all’umanità partenopea e ce la restituisce in tutta la sua poesia e complessità. Read more

la verità sul caso Harry Quebert

La verità sul caso Harry Quebert non è solo un avvincente thriller, abilmente giocato su più piani narrativi e temporali, ma anche un autentico manuale sull’arte della scrittura e su come questa sia tutt’uno con la vita.

Ecco qualche piccola di saggezza di Harry Quebert all’allievo Marcus Goldman, alle prese con il famigerato blocco dello scrittore e con il divorante dubbio che possa essere stato proprio il suo grande maestro ad uccidere, nel 1975, la ragazza amata, l’allora quindicenne Nola Kellergan.

Tutti sanno scrivere, ma non tutti sono scrittori.

La scrittura è un dono perché ti consente di dare un senso alla tua vita.

Scrivere ha dato un senso alla mia vita. Qualora non l’avessi ancora notato, la vita, in generale, non ha senso. Tranne quando ti sforzi di dargliene uno e lotti ogni giorno per riuscire a farlo. Essere uno scrittore significa essere vivo.

 

La caliente Agatha Christie del Nord La recensione de "La principessa di ghiaccio", primo libro della serie che ha reso famosa Camilla Lackberg

Quarant’anni, due divorzi e tre figli, un nuovo fidanzato di 27 anni che ha tutta l’aria d’essere un gran fusto, a giudicare dalla foto di un’intervista rilasciata a “Io Donna” al Salone del Libro di Torino. Ma, soprattutto, udite bene: quindici milioni di copie vendute con i suoi gialli made in Svezia, che l’hanno fatta ribattezzare l’Agatha Christie del Nord.

Non c’è che dire, tanto di cappello a Camilla Lackberg! Read more