Viaggio nei colori di una gran bella storia! “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” di Salvatore Basile è un romanzo emozionante e poetico, una vera e propria ricetta per infrangere la solitudine e superare i dolori della vita.

Voi di che colore siete? Immagino non ve lo siate mai domandato. E chissà quanti, riflettendoci, potrebbero rendersi conto di essersi rassegnati ad una sorta di vita incolore.

E’ quello che capita al trentenne Michele Airone, protagonista de “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” di Salvatore Basile (Garzanti), che ha la magia di una favola e la forza di una storia di sentimenti autentici. Read more

Un racconto “immorale” del quindicenne Flaubert La  collana “Classici da (ri)scoprire”, curata dalla “Bottega dei traduttori”, si arricchisce di una nuova gemma misconosciuta dal grande pubblico: un'opera giovanile dell'autore di "Madame Bovary".

La collana “Classici da (ri)scoprire”, curata dalla “Bottega dei traduttori”, si arricchisce di una nuova gemma misconosciuta dal grande pubblico. Dopo la breve raccolta di racconti “Cosi-sancta, Il sogno di Platone e Avventura indiana” del  grande Voltaire, la community di giovani professionisti ci fa dono dell’opportunità di scoprire il racconto “Un profumo da annusare o I Saltimbanchi” di Gustave Flaubert, grazie alla pregevole traduzione di Ramona Loperfido. Read more

Diritto + Letteratura: Grisham e l’avvocato degli ultimi

Il brano Mi nutro di Storie ha selezionato questa settimana per i lettori del sito di informazione giuridica “Punto di Diritto”  è tratto da “L’avvocato di strada” di John Grisham, considerato caposcuola del genere legal thriller, che prima di dedicarsi alla sua passione, e diventare autore di best seller da milioni da copie, ha esercitato la professione di avvocato penalista per dieci anni. Read more

CONSIGLI DI SCRITTURA/12 – Tutto è ispirazione!

Ricordate la fantastica scena del finto orgasmo in “Harry, ti presento Sally”? O la romantica scena finale di “C’è posta per te”?

La sceneggiatura (e anche la regia per il secondo film) porta la firma di una delle penne più brillanti del cinema americano: Nora Ephron, che fu appunto anche regista, oltre che giornalista e scrittrice.

Non sapevo molto della sua biografia, che fa tutt’uno con il suo lavoro creativo, prima di vedere su Sky Arte il documentario “Everything is Copy” che il figlio Jacob Bernstein – il padre è il celebre giornalista Carl Bernstein del caso Watergate, che Nora Ephron sposò in seconde nozze- ha prodotto nel 2015 per HBO, a quattro anni dalla morte della madre. Read more

Diritto + Letteratura: Camilleri, i fascicoli e…i cannoli!

Il brano Mi nutro di Storie ha selezionato questa settimana per i lettori del sito di informazione giuridica “Punto di Diritto”  è tratto da “Giudici” (Einaudi), una raccolta di racconti firmati da autori del calibro di Andrea Camilleri, Carlo Lucarelli e Giancarlo De Cataldo che, ognuno con il proprio stile inconfondibile, tratteggiano “il difficile mestiere di decidere secondo giustizia”. Read more

Nulla è come sembra, soprattutto nelle famiglie perfette! Il thriller di Jane Shemilt è una dura presa di coscienza delle dinamiche moglie-marito-figli. Per giungere alla verità sulla scomparsa di Naomi, sua madre dovrà analizzare con spietatezza se stessa e i propri cari.

“E’ più facile di quanto si pensi perdere di vista ciò che conta”. La chiave di lettura di “Una famiglia quasi perfetta” di Jane Shemilt (edito da Newton Compton) è in quest’amara riflessione di Jenny, voce narrante di una storia familiare in cui, com’è facile intuire, nulla è come sembra.

Fin dalle prime pagine è echeggiato nella mia mente il celebre incipit di Anna Karenina: “Tutte le famiglie felici sono simili le une alle altre; ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”. Il fatto è che Jenny non è consapevole dell’infelicità e delle menzogne che hanno minato irrimediabilmente la serenità e l’unione della sua famiglia, fintanto che sua figlia 15enne Naomi non fa ritorno a casa, dopo una serata con gli amici del teatro, e scompare nel nulla. Read more

MY LIFE/6 – La felicità triste di un amore “adultescente”

Vi capita mai, mentre assaporate un momento di felicità, di sentirvi un po’ tristi? Forse vi sembrerò contorta, ma a me succede.

Mi ritrovo a pensare che quell’emozione speciale non durerà, che quel momento perfetto sarà solo un’effimera illusione. Probabilmente sarà perché sto vivendo una bella storia ma dall’epilogo già scritto. Una storia di cui avevo un gran bisogno, per venir fuori dalla “boccia di tristezza” in cui boccheggiavo come un pesciolino, per la concomitante delusione sul fronte lavorativo e sul piano sentimentale.

Perché in fondo lo sapevo già come sarebbe andata a finire, quando ho risposto al messaggio di Alessandro e ho accettato di incontrarlo: non ho fatto mai mistero di subire il fascino di quest’uomo elegante e discreto, unica conoscenza positiva dell’ultimo anno alla corte di quel viscido Vecchio Verme del mio ex datore di lavoro. Read more

Diritto + Letteratura: Calamandrei e l’arringa efficace

Il brano che Mi nutro di Storie ha selezionato questa settimana per i lettori del sito di informazione giuridica “Punto di Diritto”  è tratto da Elogio dei giudici scritto da un avvocato” del padre costituente Piero Calamandrei (riedito da Ponte alle Grazie), che è un gioiello di sensibilità e arte letteraria di eterna attualità per i cultori del diritto e non solo.
Read more

RACCONTI BREVI/3 – Posso fidarmi di te?

GAIA

Quando sono entrata a casa di Pietro ho sentito odore di buono.

La lavanda del pavimento pulito e lucidissimo, la cannella dei biscotti ancora caldi sul tavolo della cucina, decine di orchidee sui davanzali delle finestre. Ma soprattutto il suo profumo: dolce come la vaniglia, con punte agrumate d’arancio e calde di muschio di quercia.

Ero esitante e timorosa. Non credevo che mi sarei fidata ancora di un uomo e gli avrei permesso di portarmi a casa sua. Read more